BIOGRAPHY

Arianna De Nicola è nata a Roma nel 1986. La sua ricerca si concentra sull’analisi del limite e la sua capacità di suscitare la volontà di superamento del confine e l’incertezza dovuta alla possibilità imminente di fallimento, facendo riferimento al desiderio e all’impulso dell’essere umano. L’indagine nasce dalla necessità di oltrepassare i limiti che il contesto sociale trasmette e dal tentativo di svelare l’istinto nonché le alternative della fisica, implicando così tematiche come l’instabilità e il mutamento così come dell’essere anche della materia. Nel suo lavoro prevale il monocromatismo e l’assenza di colore evidenziando un minimalismo materico. Muovendosi principalmente tra scultura e installazioni e sperimentazioni sonore, senza tralasciare le azioni performative e la pittura ad interessare l’artista sono le possibilità creative del limite in relazione al movimento della materia nel tempo e nello spazio, delle quali si propone di indagare la decostruzione e la trasformazione.

Born in Rome in 1986. She lives and works in Rome. In her research she investigates the processes of transformation of matter, the effects on the human unconscious and the possible disorientation, the clash between what is known and what appears new because it has changed in its existence as well as in its form. She explores the concept of limit in relation with the human will to overcome its boundaries and the uncertainty due to the possibility of failure. What prevails is an interest to the creative possibilities coming from the limit in relation to the movement of matter, its deconstruction and transformation, implying the issue of instability and continuous change associated both to the matter and the existence. Moving between performative actions, sculptural and audio installations, drawings and other mediums, in her work prevails the monochrome and the absence of color, highlighting a material minimalism.